Grazia Di Michele – Squisita passeggiata per suggestive intimità.

di: Fabio FiumeImmagine

Chi non è particolarmente avvezzo in Geografia, non saprà che “Giverny” è una località molto piccola nel sud della Normandia in Francia, che però custodisce uno dei giardini più belli in tutta Europa, a contorno della dimora dove morì il pittore Claude Monet.

Ed è proprio quella la sensazione che viene a mente ascoltando “Giverny”, il nuovo album di Grazia Di Michele, inciso interamente assieme al Paolo Di Sabatino Trio, ovvero una passeggiata al sole in quei splendidi luoghi, che restan belli anche sotto la pioggia. E si tratta di un lavoro davvero squisito, che scosta Grazia dall’idea collettiva di questi anni, che la vede presente mediaticamente come insegnante di Amici, il Talent firmato da Maria De Filippi, ridonandole quella di cantautrice a tutto tondo, colta, ispirata, tale da scrivere un lavoro molto femminile e sensibile che suona a cavallo tra jazz e bossanova, caldo ed avvincente. Grazia non è mai stata una cantante di voce, ma forse la sua musica non ne ha mai avuto bisogno ed anche “Giverny” conferma questa tendenza, preferendo alla nota bella a tutti i costi, ( e che spesso si rincorre con artefici di studio ), un’interpretazione intima, come una carezza data in pieno volto preferita ad un bacio appassionato. E’ il caso di un brano come “Dove mi perdo“, cantico in cui innocenza e peccato convivono in perfetta armonia, come morte e vita e dove la padronanza di linguaggio della nostra ( fuori dagli schemi comuni del sole, cuore e amore ) gioca con i contrasti; sarà pure vero che il suo amore ha spalle come scogli di arenaria, ma essi sono levigati dalle tempeste ( e quindi non spigolosi ), oppure ha carezze di rugiada,  ma mani calde di ambra ( quindi un senso di frescura, contrapposto al calore ). Chissà se la Di Michele si sia ispirata ai frequenti passi a due che si vede ballati dinanzi ogni settimana per scrivere la bella “Passo a due“, in cui sembra aver dato pensieri e parole alle bellissime linee di quelle danze leggere, portate sullo schermo dai bellissimi Josè ed Anbeta. C’è anche tanta ironia in testi come “Pettini e pettinini“, il primo singolo, dove sono irriverenti le scaramucce del cuore e curiosità cerebrali tra cui è possibile scorgere affinità ed imparare ad inseguirsi con intelligenza. Spazio anche ai tangeri con “La luna balla il tango” e con la passione che un ballo del genere trasuda e che Grazia evoca con immagini  di: “i miei seni puntati ( prima), confusi ( poi)  sul tuo cuore” , alle marce spruzzate di jazz di “Passando“, fino al cuore esplicitamente prigioniero di “L’amore non detto” in cui e mi cadi addosso come un temporale, ora che sei il senso delle cose…il senso delle cose. Il tutto come detto in apertura con questo straordinario trio jazz composto da Paolo Di Sabatino al piano e gli arrangiamenti, Marco Siniscalco al contrabbasso e basso e Glauco Di Sabatino alla batteria ed in aggiunta poco altro, fisarmonica in alcuni episodi, percussioni o sax soprano in altre. Ci verrebbe  da chiedere come mai nessuno dei ragazzi usciti dal Talent in cui Grazia insegna, abbia mai pensato di chiedere alla fine cantautrice di comporre per loro. Ed ancora, chiedere a chi crede che fare musica significhi solo conquistare la classifica, per una o due settimane, ( ed eviteremo nomi scesi spesso in polemica con la Di Michele ), cosa pensano di un disco come questo “Giverny”, che è lontano, anche per maturità chiaramente, dai loro “strombazzati” pezzi, tutto impulso e voce sparata che bisogna vedere fin quando dura, perchè “Giverny” è un disco godibile, bello e completo, che vince le prove del tempo e come tale bisognerebbe avere.

Nove

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...