Pierdavide Carone: Un cantautore in evoluzione, la recensione di Fabio Fiume

Terzo album in tre anni per Pierdavide Carone, l’unico cantautore (salvo recenti) uscito con importante seguito da Amici, il talent voluto da Maria De Filippi. E dopo il mezzo passo falso del precedente lavoro, forse un po’ frettoloso, nato dalla necessità discografica, più che compositiva, di battere il ferro finchè caldo, Carone trova una nuova linfa vitale, concependo questo “Nanì e altri racconti…” con una maturità diversa, che si rivela sia attraverso i testi più seriosi, a volte persino più adulti dei suoi 23 anni, sia attraverso il sottile umorismo con cui affronta le proposte più scanzonate, a cui non rinuncia. Questa maturità l’aveva decantanta anche il grande Lucio Dalla, che entrato in contatto con il giovane ed ascoltate le sue proposte, aveva deciso di produrne il disco e di aiutarlo a trovare una strada di classe per proporsi. Ed è stato quasi come il congedo per il grande maestro bolognese, l’individuare il giovane da sdoganare dalla sufficienza concessa agli artisti venuti fuori dai talent, e consegnarlo ai posteri come un nuovo, valido futuro per la canzone d’autore. Da qui la decisione di esporsi, di gareggiare a Sanremo, seppur con un ruolo di nicchia, per quella “Nanì”, raffinata ballata sull’incondizionato amore nato per una prostituta, che non esce dal suo destino segnato e che il giovane è costretto a portare via con sè, con quegli accenti vocali in terza, che lo stesso Dalla ha eseguito magistralmente live a Sanremo, rafforzando la voce più istintiva e di sicuro meno estesa di Pierdavide. Poi dopo il saluto al mondo del suo maestro, appena un settimana dopo quell’esperienza, Pierdavide si è rimboccato le maniche, per non far morire il progetto e così, forse rinunciando anche a quella parte più ironica, ha dato vita in questi mesi ad altri due singoli, davvero buoni; il primo, “Basta così”, lanciato in quel di Amici Big, luogo dove è ritornato sempre sotto consiglio di Lucio, in cui incalzando, parla del saper capire che quando l’amore finisce prigioniero del silenzio, è finito e nulla può destarlo, ed il secondo, l’attuale “Tra il male e Dio”, vera pietra preziosa del lavoro, dove la passione esplode tra “spaccami di baci”, “prendi in mano il cuore” e “respingimi e poi prendimi di nuovo”, “lasciami sognare di averti tra il male e Dio”, come a sottolineare il continuo combattimento ed equilibrio tra il bene ed il male che ci fornisce un amore che sappiamo complicato, ma che ci fa star bene come poco altro. In essa Carone azzarda falsetti, alternati a voce piena, dolcezza “cantilenata” a pigli vocali ruvidi, rauchi, aspri; il tutto in ottimo equilibrio. Il resto è sull’altra parte della strada, sul marciapiedi forse meno illuminato, ma non per questo trascurabile, su quell’umorismo che ha già reso Pierdavide protagonista in passato di storie d’ospedale, della difficoltà di creare la canzone pop perfetta, mentre qui lo pone con la lente puntata sui luoghi comuni dei sud del mondo “Il twist del sud” e addirittura con mirabile sapienza sull’amministrazione di rapporti longevi, posti a crisi quotidiane, tenuti in vita da un unico “ti amo” detto inaspettatamente, come in “Amoreterno”. Aveva ragione Dalla; Pierdavide Carone è da tenere sotto controllo. Ha penna intelligente ed acuta e musicalità che, seppur limitata da un registro vocale non troppo variegato, è aperta a più stili, affrontati con la timidezza che gli fa fare le guance rosse e con cui si nasconde dietro al microfono quando canta, ma che alla fine, dopo aver sapientemente ascoltato, non ti lascia indifferente mai. Sei 1/2

Fabio Fiume

Annunci

2 pensieri su “Pierdavide Carone: Un cantautore in evoluzione, la recensione di Fabio Fiume

  1. bellissimo articolo,solo non sono d’accordo sul secondo album non è stato pubblicizzato abbastanza ma ci sono dei bellissimi pezzi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...