Festival di Sanremo 2012 la seconda serata nel commento di Fabio Fiume

La seconda serata di un Festival già baciato dal successo degli ascolti, parte con la presenza quasi a sorpresa de’ i Soliti idioti, più volte annunciati durante le trattative di preparazione, e mai confermasti davvero. Ed invece ci sono e presentano alla vasta platea di Rai Uno il personaggio del pony express ( Francesco Mandelli ) che si imbatte costantemente nella stralunata signora Gisella ( Fabrizio Biggio ), che fa il verso a tanti impiegati di sportelli pubblici. Stesso Gisella, guadagna il proscenio con un Morandi in camicia, che gioca a fare il simpatico, ma legge troppo platealmente il gobbo, talmente tanto da far perdere più volte il tempo comico al comico per l’appunto. Prima di introdurre la rivelazione annunciata Rocco Papaleo, si da spazio alla prima canzone ( e stasera ci sembra giusto ) e spetta a Nina Zilli rompere il ghiaccio. La bella piacentina smette i panni di cantante oldies in stile 60’s, per approdare ad una zingaresca immagine più vicina sicuramente agli anni 70. Non è precisissima come ieri, forse l’emozione di essere la prima, ma il brano funziona. Poi Rocco, e di lui si dice un gran bene ed anche oggi ci fa sinceramente simpatia. Segue Arisa, che si è fatta prestare il vestito di ieri dalla Bertè. Scherzi a parte è elegante e come sempre intonatissima e mentre canta si sentono più volte gli applausi della sala e lei si emoziona e non poco. Ah no! Il vestito di Arisa era suo, perchè la Bertè che esce insieme a D’Alessio subito dopo, lo indossa di nuovo e non c’era il tempo materiale per scambiarselo! La differenza è che mentre Arisa sembrava una compassata partecipante al funerale della nonna, Loredana ( e questa la prendiamo in prestito dalla battuta di un’ amica ) assomiglia ad una copia, con labbra corrette, di Josè Feliciano. Scherzi a parte il brano della coppia è leggero e radiofonico, ed ottiene un bell’applauso. Gigi è signore in questa occasione, perchè lascia la scena principale alla collega e lei diventa padrona del palco che il pubblico festante acclama. Tornano Belen ed Elisabetta e a Rocco viene facile giocare con le due, con Morandi che fatica a non rompere i suoi tempi comici( diciamo che sono bravi i tre a tenersi la scena ).
E poi il Dalla poco coraggioso da venire in gara da solo, torna a fare compagnia a Pierdavide Carone; va detto che forse Carone da solo non sarebbe mai stato preso ed alla fine, visto il brano che insieme ci hanno regalato , “Nanì” , ci piace sinceramente , forse è il caso di dire: ” grazie Dalla”. Carone è elegante nel suo completo scuro, ed il suo sorriso imperfetto e Dalla professionista delle 7 note, intervenendo nei backing vocals. Ed arriva la gara dei giovani, per fortuna non relegata alle prime luci del mattino. Partono i due cuccioli, uno contro l’altro, il giovane Alessandro Casillo, figlio di Io Canto e Giordana Angi arrivata in gara ( sul web ) senza etichetta discografica alle spalle, trovata poi una volta ottenuta la partecipazione. Sembra già vittima annunciata, giacchè Casillo appare troppo forte grazie al voto delle “bimbe minkia”. La Angi a dire il vero per quanto brava è troppo classica, e l’accoppiata faccia/canzone appare dissonante. E poi è di nuovo big con i Matia bazar, capitanati da una Silvia Mezzanotte, immagine di finezza nonostante il rosso passione che indossa e che lascia la schiena scoperta; Papaleo ci gioca, ironizzando sull’essere “così così” degli altri. Altro merito della vocalist della storica band è che lascia intuire che come sempre potrebbe spingere, ( il brano si presterebbe) ma preferisce scegliere l’interpretazione di classe; dite però a Cassano di tagliarsi i capelli, per favore! Annunciato da Belen ed Elisabetta ( che lo chiama Ugenio! ) arriva Finardi che in questo caso è interprete e non autore ma che da prova nuovamente di esserlo con i “controcazzi”; perdonate la licenza poetica, ma tanto in questo Festival di parolacce se ne sono dette un bel po’! Tempo per il ritorno dei Soliti idioti nei panni della famiglia De Ceglie. Si ride un po’ più a denti stretti, tranne quando si prende in giro Pupo, ed il vizietto del gioco; li la risata ci pare più spontanea e fragorosa. Arrivano i risultati dei giovani ed ovviamente Casillo spedisce a casa la Angi, che tornata sul palco, non sembra molto contenta ed ha la faccia di chi infilerebbe una punessa nel bel faccino del suo vincente avversario. Via i due giovani, avanti altri due: Io Ho Sempre Voglia messi a confronto con Celeste Gaia. La band non ci sembra nulla di particolarmente originale, cosa che invece è la Gaia, con uno sguardo, tra l’altro, molto Gerini. Chissà che combinerà il televoto, qui è meno scontato. Emma intanto scende la scala in maniera meno dinoccolata di ieri e con la grinta che ricorda una giovane Irene Grandi, canta la sua canzone dal testo importante, che lei ha già dimostrato di saper portare sulle spalle anche fuori dal palco, sostenendola e spiagandola a dovere. Insomma, un caso di vero carattere e l’applauso è scrosciante. E finalmente, dopo tanta attesa e sfortuna, arriva la modella Ivana Mzrova, annunciata dalle “ex” madrine Elisabetta e Belen ( senza mutande ). Bellissima non c’è che dire, però stiamo sempre a chiederci perchè mai non prenderle altrettanto bellissime, ma italiane? E con lei si annunciano i Marlene kuntz, già ieri battezzati come presenza più amorfa del Festival. La loro canzone probabilmente in versione disco guadagnerà, ma live purtroppo mezzo testo fugge via e la parte finale con tutti quei fiati, soffoca anche l’intenzione rock, che ci si aspettava da loro, in quanto pioneri della musica indie in Italia. Quasi certamente saranno fuori stasera, come la successiva Irene Fornaciari, che Morandi appella come caparbia; ed effettivamente Irene lo è e ne ha ben donde, perchè è comunque una buona vocalist. Il suo problema continuano ad essere le canzoni, sempre deboli, tanto che il più “Grande mistero” è, per questa occasione, come mai l’abbiano scelta. E mentre Belen ( per fortuna ) non perde occasione per farci notare che non ha le mutande, appare sul palco Samuele Bersani elegante e bello in una giacca che dovrebbe essere bordeau, ma che sotto le luci sembra addirittura violacea. Canta meglio, forse la febbre è andata via, ma non il senso ironico e veritiero della sua piacevole canzone. Bella, ma con lo scudiscio eliminazione in mano alle demoscopiche, potrebbe essere a rischio. Intanto gli abbastanza inutili Io Ho Sempre Voglia fanno fuori Celeste Gaia, che sorride con gli occhioni ed al loro posto si apre la sfida tra i Bidiel, dall’accademia di Sanremo e Erica Mou, ultima scoperta di Caterina Caselli Sugar. Erica ha un bellissimo primo piano e la canzone è la migliore tra gli otto finalisti dei giovani. I Bidiel sono invece freschi e convincenti, ma è un po’ difficile che vincano questo scontro. Tornando ai big, Chiara Civello cerca l’affermazione anche in Italia, dopo aver conquistato alcuni mercati esteri e lo fa perdendo le scie jazz a favore di più nitide strisce pop, seppur elegante. Nemmeno stasera canta benissimo, ma l’orecchiabilità del pezzo dovrebbe garantirle il passaggio al turno successivo. Scendono le ragazze nuovamente e Belen incitata da Elisabetta è costretta e rivelera che le mutande ce le ha, ma noi non ci crediamo molto. Rocco è sempre comicissimo e tra cantanti, vallette e superospiti, ci sembra sempre quello maggiormente a suo agio. Ed annuncia Noemi che di lungo e nero vestita guadagna la scena; le gridano brava prima ancora che canti. E canta molto meglio di ieri e ne guadagna la canzone che conquista punti importanti candidandosi ad un possibile rush finale per la vittoria.
Archiviato lo scontato passaggio di Erica Mou, si annunciano gli ultimi due giovani ovvero Marco Guazzone e Giulia Anania. Guazzone è ispirato, non sempre in nota, però originale nei movimenti al piano che riescono a non far sembrare statica la performance. Chi ha consigliato gli stivali a Giulia Anania? Sono un pugno negli occhi, almeno quanto la giacca di Guazzone. Il brano di lei è senza infamia e senza lode ed anche qui l’intinazione scricchiola; Morandi dice: “bravissimi”, noi rispondiamo: “mah”! Tornano i Soliti ignoti nei panni di Fabio & Fabio e qui gli applausi tornano ad essere convincenti per il duo, che da anche a Morandi dell’icona gay invitandolo a sposarli sotto l’effetto della macchina del vento. Morandi però poi, sembra essere impaurito dalle polemiche che il siparietto comico domani potrà attirare. Ci pensa il virile Renga a rimettere le cose a posto con la sua grintosa “La tua bellezza”, che canta meglio di ieri ( il che è dire vista la sua bravura ), seguito da Dolcenera, che ieri aveva aperto ed oggi chiude i 14 in gara. Mini abito per lei che segue il consiglio di ieri e tira fuori la voce dall’inizio stavaolta; anche qui la canzone ne guadagna. Intanto finiti i cantanti ed in attesa dell’ultimo verdetto dei giovani e di sapere chi sono i 4 big a non passare per il momento il turno, la bella Ivana è chiamata a dare prova di ballo. Limitata forse nei movimenti, dato l’ancora non smaltito infortunio, è comunque splendida e sorridente. Guazzone apprende in diretta, come i colleghi prima di lui, di aver mandato a casa la Anania e ci sembra cosa giusta. Ancora i Soliti idoioti in attesa dei risulatati ed adesso veramente vorremmo gridare: “Bastaaaa”, ma stoicamente aspettiamo, sopportando anche Martin Solveij, cantare il brano dell’anno scorso, “Hello”, che proponeva insieme ai Dragonette. Ovviamente Morandi lo definisce il più grande; cosa avrebbe detto se avesse avuto ospite David Guetta? Intanto non funziona lo sketch tra Il dj francese e Papaleo, che senza capire se ne va……..Fuori le accoppiate D’Alessio-Bertè, Carone-Dalla, Fornaciari e Marlene Kuntz.

Fabio Fiume

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...