Antonino: e finalmente il sarto fu giusto – La recensione di Fabio Fiume

Ci ha messo un po’, qualche album sbagliato e qualche anno sprecato, ma alla fine Antonino (storico vincitore di Amici di Maria De Filippi, quando il talent non garantiva tutto il seguito discografico di oggi), è riuscito ad incidere e lanciare un album che somigliasse di più alla sua voce, graffiata, come i segni lasciati dalle unghie sul velluto.

Merito di questo, il concorso web nato proprio nell’edizione precedente, in cui gli spettatori potevano votare sul sito un ex cantante del talent a cui voler donare una nuova opportunità, che avrebbe vantato la produzione di nostra signora dei successi discografici, Mara Maionchi. E’ nato così “Costellazioni”, un mini album a prezzo altrettanto mini, ma che mini al suo ascolto non risulta. Non siamo di fronte certo al disco della vita, ma di sicuro lo siamo ad un progresso netto; “Costellazioni” è probabilmente il disco che Antonino voleva fare adesso, persino con qualche ingenuità. La title track e primo singolo, ad esempio, si muove sulla falsa riga di “Back to black” di Amy Winehouse, che di sicuro è tra le ultime ispirazioni di ogni cantante soul, eppure è così gradevole, con la genialità della chiusura di ogni frase, sia di strofa che inciso, a sfumare, che permettono proprio di chiarire che, il punto di forza del giovane foggiano è proprio la particolarità della voce, che è bella anche quando non spinge.

Altra ingenuità è nella scelta di un brano come “Se tu mi accoglierai” che riesce a fare il verso alle composizioni della coppia Camba/Coro, pur non essendo firmata da loro, che invece firmano “Amore surreale” che invece…anche questa non si scosta di una virgola da quello che ormai è riconosciuto come “Amoroso style”. Molto buona “La lontananza” , firmata da un autore che non si sentiva da un po’, ovvero Mauro Di Maggio, giovane promessa di qualche anno fa, in cui la strofa riesce a montare l’attesa per l’esplosione di un inciso che suona melodicamente internazionale, come buona è “Chi sono”, l’attuale singolo , un vero regalo di Mario Biondi, che continua a non voler cantare in italiano in prima persona, ma non disdegna collaborazioni, supervisioni e produzioni.

Le ballate “Pioggia cadrà” e “Ovest” riportano Antonino su un’intenzione più pop, che appare comunque riuscita e meno forzata delle sue vecchie produzioni. Torna a scrivere anche Alberto Salerno, il marito della Maionchi e grande firma di successi, che sono antologia della musica italiana, riuscendo a regalare ad Antonino un buon blues con “Chiedimi aiuto”, brano d’atmosfera fumè e sgabello di fianco ad un piano. Non è il disco della vita, no di certo, questo “Costellazioni”, ma il talentuoso vocalist pare almeno aver trovato la retta via, quella in cui la sua espressione viaggia al pari con ciò che canta, perchè alla fine ogni artista appare vestito delle sue canzoni e quando queste non stanno bene addosso…

Sei 1/2 

Fabio Fiume

 
 
 
 
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...