Noemi: un rosso non troppo acceso. La recensione di Fabio Fiume

Scrivere di qualcuno che in genere ti piace particolarmente e dover comunicare che, a questo giro, ti ha un po’ deluso non è mai semplice; bisogna vicere l’innata simpatia che ti fa l’artista, Noemi in questo caso, la bellezza che ritrovi in quella voce, così sporca e naturale, eppure così piena di colore che tanta tecnica non può sfumare le tinte allo stesso modo.
E’ con questo stato d’animo che scriviamo di “RossoNoemi”, il disco che riporta sulle scene la talentuosa vocalist, dopo il quasi doppio disco di platino raccolto con il precedente “Sulla mia pelle”.
Già, perchè il rosso di Noemi, giocando col titolo, è un po’ sbiadito, nel tragitto che l’ha portata verso il nuovo lavoro, pur raccogliendo grandi autori e una produzione illustre come quella di Corrado Rustici, made in Usa.
Innanzitutto continueremo la solita battaglia, che un lavoro di appena nove tracce, per soli 35 minuti o poco più di musica, oggi non può uscire nei negozi a 15,90€ (bollinato in un noto italico megastore come prezzo lancio, altrimenti 17,90€), e poi continuare a parlare della difficoltà di venderli i dischi, perchè sguazzare nel controsenso non aiuta né discografia né artisti emergenti.
Se poi di queste tracce, almeno la metà non lasciano il segno, nonostante la personalità dell’interprete, questo diventa ancor più grave. “RossoNoemi” parte infatti bene grazie ad “Up”, grintosa esposizione del blues che Noemi ha così naturale nell’espressione vocale, scritta da lei con Kaballà tra gli altri, seguita da “Fortunatamente” in cui la rossa vocalist dichiara che la fortuna è un optional che aiuta chi però si impegna per fare e non chi sta ad aspettare.
“Vuoto a perdere”, strombazzato singolo firmato Vasco e Curreri, è certo cosa accattivante e trascina, ascolto dopo ascolto, anche grazie alla vincente idea di potenziare il secondo ritornello con l’ingresso a più voci, che può sembrar piccolezza arrangiamentale, ma che invece aiuta a ficcare in testa il motivo; questo dal punto di vista commerciale, però non si può trascurare che il testo, per quanto veritiera immagine delle donne che prendon coscienza degli anni che passano, è in realtà frutto di due parole messe in croce, nel perfetto stile di Vasco, oltretutto, con incisi diversificati da un’unica frase ed una seconda strofa uguale alla prima, che si ripete parzialmente una terza volta nel finale, il tutto nei canonici 4 minuti.
La parte centrale dell’album si appiattisce, con “Sospesa”, troppo pesante, e le inutili “Dipendenza fisica” e “Odio tutti i cantanti”, leggerotti riempitivi adatti a fare al massimo da b-side ad un singolo di Irene Grandi. Zampaglione ( Tiromancino ) non tradisce la vena intimista con la composizione “E poi inventi il modo”, sulla cui interpretazione Noemi fa quasi fatica a restare in nota, nella parte alta, e stiamo parlando del disco, non del live.
La coda dell’album, della coda ha anche il colpo, grazie a “Musa”, potenziale hits, dal motivo memorizzabile, che gode di una bellissima variazione, ed un testo abbastanza universale sulla forza dei sogni, e poi la conclusiva “Le luci dell’alba”, firmata da Pacifico, che ha grande abilità di donare pezzi che poi vestano facilmente la cantante che li interpreta, senza che questa somigli ad un’altra.
Se “RossoNoemi” è valente solo a metà, ci si chiede allora perchè non aspettare per completare un lavoro più appropriato, tra l’altro senza scadenze pressanti, come un  Sanremo, piuttosto che un Natale alle porte? Ci piace sempre la cantante, ma l’obbiettività è d’obbligo. Cinque +
 
Fabio Fiume
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...